Se Conte cadesse vincerebbero le lobby e i loro giornali. All’avvocato del popolo preferiscono un bancario altolocato come Draghi. Uno che offre più garanzie ai loro interessi alla vigilia dell’abbuffata del secolo. Se Conte cadesse vincerebbe anche Renzi ma solo in apparenza. La situazione gli è sfuggita di mano. Renzi voleva giusto tornare al centro dell’attenzione e strappare qualche punto percentuale e qualche poltrona. Ed invece ha scatenato un putiferio allucinante che ha avuto come unico vero effetto quello di certificare per l’ennesima volta la fine definitiva della sua parabola politica. Il renzismo ha ancora una manciata di seguaci nei palazzi e nei giornali, per il resto è acqua passata. E prima se ne rende conto, meglio è per tutti. Se invece Conte restasse in sella vincerebbe il Movimento. Ma la stabilità fine a se stessa è poltronismo. La vera vittoria del Movimento dipenderà dal nuovo programma di governo e dalle cose concrete che il Movimento riuscirà a realizzare da qui alla fine della legislatura. La revoca delle concessioni, il conflitto d’interessi, la riforma della Giustizia, quella della Rai, il salario minimo e tutte le altre promesse rimaste ancora tali. Fatti, non chiacchiere. Se Conte mantenesse le redini vincerebbero anche i poltronosauri rosa del Pd che almeno per ora si stanno dimostrando fedeli ad un premier non farina del loro sacco. Il Pd ci ha messo la faccia nel governo Conte e la vuole giustamente salvare. Sembra poi credere alla nascita di un fronte anti-sovranista, una nuova era politica che tra i tanti pregi avrebbe anche quello di rinviare ulteriormente la loro estinzione. Idem con patate per i poltronosauri rossi. L’egocrisi di Renzi mirava a frammentare la maggioranza ma ha ottenuto l’effetto opposto. Almeno per ora. Ricompattandola attorno a Conte e confermando come il renzismo sia una componente estranea e di cui sbarazzarsi alla prima occasione. Quanto alla peggiore destra di sempre non è facile distinguere tra quello che dicono e quello che pensano. Sono profondamente spaccati e fingono di non esserlo con patetici giri di parole. I celeberrimi patrioti meloniani trascinerebbero la nazione al voto in piena pandemia pur di farsi la scorpacciata di poltrone che preannunciano i sondaggi. Alle ceneri berlusconiane andrebbe invece bene qualunque ammucchiata pur di continuare a sperare in una miracolosa risurrezione. Salvini sembra invece alquanto titubante. Certo, sbava più che mai per i pieni poteri ma allo stesso tempo gli conviene che sta grana immonda della pandemia se la sorbisca Conte. Quello stramaledetto avvocato a sgobbare, lui nella sua cameretta a lagnarsi e a fare le pulci via webcam. Quando poi tutto sarà risolto e riapriranno finalmente le gabbie, Salvini potrà tornare in piazza ad abbracciare il suo popolo e ritentare l’ascesa da salvatore della patria. Davvero la peggiore destra di sempre. Vogliono al più presto la caduta rovinosa di Conte ma nei modi e nei tempi che più convengono a loro. Alla fine se Conte cadesse vincerebbe la solita vecchia Italia e perderebbero tutti coloro che hanno creduto nel cambiamento incarnato da questo premier anomalo e molto apprezzato. Ed è proprio la popolarità di Conte la vera incognita politica di questo momento storico. Comunque finisca questa crisi delirante, la partita per la caduta definitiva di Conte sarà ancora lunga e riserverà sorprese.

Tommaso Merlo